Hobiecat.it – Hobie way of life!

Pino Salvati su Hobiecat.it

Pino_intervista_2015_07Siamo allo Yacht Club Bolsena per incontrare Pino Salvati, colui che possiamo dire ha portato il marchio Hobie in Italia e con un po’ di presunzione la passione per i catamarani.

Pino ciao! Cominciamo da lontano: da dove e come ha iniziato tutto?
Tutto è iniziato in Sardegna dove per caso ho scoperto la vela, ma frequentando poi il lago di Bracciano, un pioniere dei catamarani mi fece salire su un Hobie Cat 14’ era il 1972, partecipai ad un Europeo Hobie dove più che regatare andavamo a spasso, e il clima delle regate era fantastico, amichevole scherzoso innovativo, molto diverso dalla vela dei campi di regata della allora classe I.O.R. che frequentavo.
La stragrande maggioranza degli acquirenti dell’epoca andavano in Hobie per piacere dalla velocita la praticità e anche un po’ per un senso di innovazione della vela classica, per anni il Way Hobie Life è stato il motivo vero del navigare su un catamarano.
Vela facile divertente innovativa era il segreto, come lo è ancora oggi un gioco per tutti.

Sei stato prima di tutto regatante, quando la vela era uno sport di elite. Raccontaci di quelle stagioni passate un Hobie 14.
Le mie regate iniziali oltre il piacere di navigazione mi davano la possibilità di farlo con pochi soldi, ma poi anche il lato sportivo non è mancato e ho cercato di imparare il più possibile come si vince un campionato vinto poi con un HC 14.

Pino_intervista_2015_02Ed il passaggio al Tiger il Formula 18 Hobie che ha vinto più di tutti?
Dopo il HC 14 usci il HC 16 e questo diede un grande impulso come barca da famiglia, ma lo spirito HOBIE non cambiò mai.
Dopo molti cambi di timonieri nella fabbrica Europea, venne progettato il Tiger un po’ più tecnico dei passati, si far e per dire dei catamarani, ben 7 nella produzione, questo ha attirato negli anni 1998 un grande numero di regatanti provenienti dalle classi veliche tradizionali, nel 2002 già solo in Italia giravano 170 imbarcazioni, molti nomi della vela importante in Italia sono passati regatato e vinto in questa Classe.

Pino so che questo è un campo diciamo difficile ma cosa è cambiato nel tempo nel mondo dei catamarani ed Hobie in particolare?
Sostanzialmente ci sono nei nuovi progetti di catamarani due linee ben distinte, regatare con prodotti super tecnologi, (vedi Wild Cat) ma allo stesso tempo non lasciare i prodotti che hanno fatto il successo di questo marchio Hobie 14’ E Hobie 16 affiancati da sempre con barche per tutte le tasche e di tutte le misure.

Pino_intervista_2015_06Non sei stato solo uno sportivo e regatante, ma anche un rivenditore di questi fantastici catamarani Hobie nei villaggi di tutto il mondo. Cosa è stata per te questa esperienza?
Nel 1974 ero così innamorato di questo catamarano che dissi a me stesso, nonostante facevo un altro lavoro, che un giorno mi sarei occupato di Hobie, cosi è stato un vero sogno che si è avverato tra le tante vendite e forniture fatte in tutto il mondo, la più azzeccata, aver introdotto a Cuba ne 1995 l’Hobie Cat 15 a, oggi sull’Isola navigano con il piacere di tanti turisti almeno 450 catamarani usciti da BOLSENA YACHTING!

Hai conosciuto centinaia se non di più appassionati Hobie, hai un aneddoto da raccontarci?
L’esperienza fatta sui campi e con i clienti non hanno fatto che rafforzare l’idea che gli “HOBIE CATTARI” hanno una marcia, una simpatia, un altruismo anche in regate importanti. Mi ricordo che una volta sono stato raccolto in acqua durante una regata al Garda con 30 nodi da un regatante che per questo ha perso molte posizioni, eravamo all’ottavo posto all’Europeo 2002, ma si è fermato e mi ha aiutato fino a riportarmi sul Tiger scuffiato con il mio prodiere, questo uno dei tanti, che ritengo significativo (lui è l’attuale presidente Hobie Class International)

Hai lasciato Roma e ti sei trasferito a Bolsena per conciliare lavoro e famiglia ed è stata una scelta di successo. Hai fondato la Bolsena Yacting Sport, società che distribuisce tra gli altri il marchio Hobie in Italia, fino ad aprire un bellissimo Circolo sul lago di Bolsena. Cosa è significato per te questa scelta? La Bolsena Yachting Sport e lo Yacht Club?
Da Roma sono partito stanco di dovere fare il dipendente ma allo stesso tempo prendermi le responsabilità di un datore di lavoro, cosi con pazienza ho aperto una scuola e iniziato a vendere Hobie non in esclusiva, ma a breve per l’impegno che ci mettevo, sono diventato esclusivista su tutta l’Italia, Bolsena allora mi sembrava un posto adatto per creare un alternativa ai luoghi più frequentati della vela, Bolsena Yachting Sport è diventata in pochi anni un polo della vela, del Windsurf, accessori e soprattutto un vero centro di riferimento in Italia per Hobie.
Il circolo è il punto di partenza per insegnare e poi fornire un prodotto per navigare, come diceva qualcuno “abbiamo tolto le scarpe di montagna a tanti clienti per dargli le scarpe da barca”, questa politica è ancora valida, i nuovi velisti si fidano da chi hanno imparato, anche per i consigli e le scelte a loro proposte.
Oggi lo Yacht Club Bolsena si estende su 19.000 mq ci sono strutture per la scuola, il noleggio, il rimessaggio, ma anche un bar e uno spiazzo in pratino dove usare ombrelloni e lettini, cosi che i famigliari dei velisti possono comunque trovarsi a loro agio.

Pino_intervista_2015_05Torniamo al marchio Hobie. Cosa ha rappresentato e cosa rappresenta nella tua vita?
Il marchio Hobie per me ha rappresentato TUTTO nel mio lavoro e non solo, un dirigente Hobie ha detto che nel mio sangue scorre sangue Hobie, niente di più vero, anche se richiamato da molti concorrenti a cambiare le mie scelte la mia fedeltà è rimasta immutata.

Se dovessi trasferire la tua passione per i catamarani e per Hobie cosa diresti a chi volesse avvicinarsi a questo mondo?
A tutti coloro che si avvicinano alla vela dico che i catamarani Hobie sono il top per chi vuole un prodotto solido che mantiene il suo valore nel tempo, che condivide per vari utilizzi famiglia e regata o solo semplice passeggiata, comprare un Hobie che sia esso catamarano SUP o Kayak acquista uno stile di vita il famoso:  “Hobie Way of life”.

Pino sono stato al negozio di Bolsena e devo dire che si trova veramente tutto. Dagli accessori per la nautica all’abbigliamento, fino ai Sup o ai Kayak. Quale è la ricetta per mantenere questo successo?
Il segreto del successo di Bolsena Yachting Sport snc è lo stare sempre attenti alle nuove tendenze, girare guardare e anche imparare, non mi sono mai ritenuto una persona presuntuosa, il mio vero segreto è essere stato sempre: “stare con i piedi in acqua”, affianco a mie clienti, sia in regata, ma anche quando ci sono stai problemi, il nostro punto di forza la disponibilità e l’assistenza immediata, oggi se rompi un albero o uno scafo lo hai a disposizione nel giro di 48 ore.
L’altro grande segreto sono i collaboratori, ho scelto Federico Botarelli nipote di secondo grado a percorrere questo percorso di lavoro, oggi dopo qualche anno Federico è mio socio, il suo entusiasmo pari al mio, le nuove scelte del nuovo settore Hobie Kayak sono seguite da lui e sono contento perché quando mi terrò un pò più lontano dagli affari sono sicuro che potrà continuare e sicuramente migliorare. , anche con l aiuto di nuovi collaboratori, devo ringraziare anche tutti coloro che sono al di fuori del negozio, collaboratori istruttori semplici clienti che con il loro entusiasmo ci seguono da anni.

SPino_intervista_2015_02ei un imprenditore ed uno sportivo. Ma tu come ti senti di più?
Ero gia un venditore e regatante poi ho imparato a fare l imprenditore.

In tanti anni di attività ci sono stati momenti di crisi? Momenti che avresti voluto mollare tutto? E perché poi non lo hai fatto?
Si c è stato un momento di crisi in cui avrei potuto lasciare, ma li è intervenuto uno degli ex proprietari di Hobie Cat Europe che mi ha aiutato, a cui devo moltissimo e ringrazio per tutta la vita, e la fiducia è stata ripagata oggi il marchio Hobie in Italia è solido come non mai.

Rimani uno sportivo a tutto campo. Cosa vorrai fare da grande? Noi speriamo sempre di vederti sui campi di regata.
Ho ricomprato da poco un Hobie Cat 14 che sta vivendo una seconda giovinezza, mi piacerebbe avere un po’ di tempo per regatare in semplicità, ma sempre con l’aggressività con cui regatavo una volta e quella determinazione che mi ha portato a vivere questi 45 anni di Hobie con Hobie e per Hobie.

Pino ti saluto e ti ringrazio di questa giornata fantastica passata allo Yacht Club.

Rispondi

Background