Un giorno con Domenico De Toro

Lago di Bracciano, Compagnia della Vela Roma. Estate piena e tanto caldo. Tutti in attea che il termico si alzi per rinfrescare i numerosi a terra e far uscire quelli con le vele alzate.

10557255_1426786680943155_2797785574476512031_nTra loro Domenico De Toro, Vive Presidente dell'Associazione italiana Hobie Cat, regatante con numerosi titoli sulle spalle, fondatore della Flotta Roma e sopratutto storico della Classe Hobie in Italia. Da un anno ha preso le redini dell'Associazione per la sua rifondazione per l'adeguamento alle necessità degli associati, dei regatanti, dei Circoli e degli allenatori.

Armo un Wild Cat ed invito Domenico ad uscire per fare "due chicchiere". Risposta subito positiva, ci si cambia ed in un attimo siamo già al trapezio per raggiungere l'altra parte del lago. Chiacchierando tirando le scotte.

20140531-202857-73737577.jpg

Il successo del Campionato italiano multiclasse Hobie si fa ancora sentire, mi racconta Domenico, e l'intreresse della "comunità" è alto, Ricomincia a muoversi tutto l'interesse che c'è sempre stato nei confronti di questo brand. Esempio, racconta, è la ripartenza dai giovanissimi su Hobie Dragoon. Dove sabato e domenica prossima si svolgerà una tappa del Dragoon Cup al Centro Velico 3V con equipaggi provenienti da altre zone di Italia, Bolsena Yachting Sport dealer per l'Italia Hobie ed il responsabile per i Dragoon Mauro De Feliceantonio di Svagamente.

Il punto dell'attività 2014 è anche le regate organizzate a livello locale dalle Flotte Hobie, Litorale romano, laghi, adriatico, anche questo segno di ripartenza. Oggetto di chiacchiera anche l'inizio della programmazione invernale con tante novità e dell'attività 2015 con l'europeo Hobie multiclasse in Italia.

Il vento inizia a calare dopo quasi due ore di "Wild Cat" e Domenico da bravo conoscitore del vento mi invita a rientrare. Aperitivo al rientro e appuntamento per seguire la Dragoon Cup sabato e domenica 26/27 luglio.

Noi di hobiecat.it saremo presenti!

Have a hobie day

One Comment

  1. Domenico

    Ciao Ale, grazie per “passaggio”! Io mi ero fermato all’ancora bellissimo Tiger e devo dire che il Wild ne è il degno successore! Quando ci sarà più vento mi candido per un altro giro…

Rispondi